Le sezioni

Cerca nel sito

Qual è l'iter per ottenere la certificazione di alunno diversamente abile?

L'individuazione degli alunni diversamente abili non compete agli insegnanti o agli educatori, bensì ad una commissione medica istituita presso l'Azienda Sanitaria Locale. Il pediatra di famiglia individua la patologia e rilascia l'impegnativa per prenotare la consulenza di un neuropsichiatra infantile operante presso una struttura pubblica. Una volta ottenuta la diagnosi, i genitori devono presentare domanda al Collegio della ASL di residenza.

Il verbale di accertamento, rilasciato dalla commissione collegiale della ASL va quindi presentato alla scuola al momento dell'iscrizione.

La Legge 27 dicembre 2002, n. 289, art. 35 comma 7, ha stabilito infatti che "All'individuazione dell'alunno come soggetto portatore di handicap provvedono le aziende sanitarie locali sulla base di accertamenti collegiali, con modalita' e criteri definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri". Si tratta del DPCM n. 185 del 23/2/2006"Regolamento recante modalità e criteri per l'individuazione dell'alunno come soggetto in situazione di handicap, ai sensi
dell'articolo 35, comma 7, della legge 27 dicembre 2002, n. 289
". Esso all'art. 2 stabilisce che:

1. [...] le Aziende Sanitarie dispongono, su
richiesta documentata dei genitori o degli esercenti la potestà parentale o la tutela dell'alunno medesimo, appositi accertamenti collegiali, nel rispetto di quanto previsto dagli
articoli 12 e 13 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.
2. Gli accertamenti di cui al comma 1, da effettuarsi in tempi utili rispetto all'inizio dell'anno scolastico e comunque non oltre trenta giorni dalla ricezione della richiesta, sono documentati attraverso la redazione di un verbale di individuazione dell'alunno come soggetto in situazione di handicap ai sensi dell'articolo 3, comma 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 104,
e successive modificazioni. Il verbale, sottoscritto dai componenti il collegio, reca l'indicazione della patologia stabilizzata o progressiva accertata con riferimento alle classificazioni internazionali dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nonché la specificazione dell'eventuale carattere di particolare gravità della medesima, in presenza dei presupposti previsti dal comma 3 del predetto articolo 3. Al fine di garantire la congruenza degli interventi cui gli accertamenti sono preordinati, il verbale indica l'eventuale termine di rivedibilità dell'accertamento effettuato.
3. Gli accertamenti di cui ai commi precedenti sono propedeutici alla redazione della diagnosi funzionale dell'alunno, cui provvede l'unità multidisciplinare, prevista dall'articolo 3, comma 2 del decreto del Presidente della Repubblica 24
febbraio 1994, anche secondo i criteri di classificazione di disabilità e salute previsti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il verbale di accertamento, con l'eventuale termine di rivedibilità ed il documento relativo alla diagnosi funzionale, sono trasmessi ai genitori o agli esercenti la potestà parentale o la tutela dell'alunno e da questi all'istituzione scolastica
presso cui l'alunno va iscritto, ai fini della tempestiva adozione dei provvedimenti conseguenti."

Nel caso in cui dal verbale di accertamento risulti che il bambino si trovi in situazione di particolare gravità (art. 3 comma 3, Legge 104/92), oltre alla richiesta all'Ufficio Scolastico Regionale per ottenere l'insegnante di sostegno, il Dirigente Scolastico dovrà inoltrare agli Enti Locali anche la richiesta per l'assegnazione dell'assistente all'autonomia e alla comunicazione.

Attenzione:

la redazione di Integrazione Tre Sei declina ogni responsabilità riguardo le decisioni prese in merito alle tematiche di seguito affrontate e non garantisce che le informazioni riportate in questa pagina siano costantemente aggiornate rispetto alla normativa vigente, ricordando che per questioni legali è necessario rivolgersi ad esperti nel settore giuridico.

Torna alla sezione Normativa

Le altre F.A.Q.

Può un alunno con grave ritardo psicomotorio permanere nella scuola dell'infanzia dopo il compimento del sesto anno di età?

L'insegnante di sostegno può essere utilizzato per effettuare sostituzioni dei colleghi assenti?

L'insegnante di sostegno assente per pochi giorni deve essere sostituito?

I bambini che effettuano terapia in orario scolastico presso i centri di riabilitazione hanno diritto all'ingresso e all'uscita al di fuori degli orari stabiliti dalla scuola?